Era una Notte Buia e Tempestosa…

Sabato 28 Febbraio ore 17,00

Perchè esserci:Conoscere dal vivo alcuni editori fiorentini, conoscere la loro storia passata e presente è sicuramente stimolante e significa conoscere la storia di Firenze.

27-notte-buia-pag

Un’eccessiva proliferazione dei titoli o un mercato che vende poco costringono gli editori ad un mutamento nelle loro logiche strategiche culturali ed economiche. Le case editrici sono destinate ad una metamorfosi digitale o all’estinzione? Esiste un terzo passaggio? E’ possibile un’editoria a costi zero? Quali sono le ragioni che hanno portato Firenze, che è stata in passato il secondo polo editoriale d’Italia, a non mantenere il prestigioso primato? Quali sono gli obiettivi che un editore di oggi deve porsi e dove va l’editoria contemporanea? Un appuntamento speciale dove alcuni editori fiorentini si incontrano per un significativo dialogo sulla storia e il destino della nostra editoria. L’incontro sarà animato dal direttore di uno dei maggiori quotidiani d’informazione in Italia.

“ERA UNA NOTTE BUIA E TEMPESTOSA…”
incontro sul futuro e il passato dell’editoria fiorentina’

Durata 75’ – INGRESSO LIBERO

con la partecipazione degli editori:

Mario Curia (Mandragora), Beatrice Fini (Giunti Editore), Tommaso Gurrieri (Edizioni Clichy), Daniele Olschki (Casa Ed. Leo S. Olschki), Mauro Pagliai (Polistampa)

coordina l’incontro Giovanni Morandi direttore responsabile di QN Quotidiano Nazionale

Potrebbe interessarti

Strangers

Strangers

ANNA HAZE Anna Haze, attualmente iscritta al corso di Produzione Cinematografica alla Concordia University di Montreal (Quebec), dal 2017 inizia la sua...

I Matti delle Giuncaie

I Matti delle Giuncaie

Band regina dell’Hard-Folk maremmano miscela il rock, la musica gitana, il folk, la musica cantautoriale al fine di ribadire il motto “divertirsi suonando”....

Inaugurazione Carrozza10

Inaugurazione Carrozza10

TERZO ATTO C’è stata una stagione del teatro (2003/2013) che ha segnato la nascita di questo spazio, tutto era a posto, il palcoscenico stava dove sta il...

X