Il Decameron per i Piccoli

Archètipo per il 700° anniversario della nascita di Giovanni Boccaccio 

IL DECAMERON PER I PICCOLI
“Nella nostra città, la qual sempre di varie maniere e di nuove genti è stata abbondevole”

Scrittura scenica e regia Riccardo Massai
con Ilaria Danti, Mauro Barbiero e Marco Magistrali
Musicista Marco Magistrali

Adatto a ragazzi dai 6 ai 15 anni

Durata 60’

decameron-piccolo-evid

“Il Decamerone”, storia delle storie, dove il racconto si fa cura comunitaria e rito universale. L’idea è quella di raccontare le storie cercando di ricreare il più possibile l’atmosfera del tempo, un legame col contesto in cui venivano narrate; esaltare l’aspetto popolare attraverso paesaggi sonori, suoni e rumori di mercato, di natura, di contesto proposti e da creare potenzialmente col pubblico; riproponendo dove possibile anche a livello spaziale il contesto circolare, di veglia in cui le storie si scambiavano, occasioni di incontro e condivisione dell’ esperienze, come le malattie e le carestie, le guerre, ma anche le feste, i mercati, i porti. Le novelle rappresentate sono: Andreuccio da Perugia (5,II); Chichibio e la gru (4, VI); Calandrino, Bruno e Buffalmacco (3, VIII).

 

SCHEDA DIDATTICA
Insegnanti/ scuole: Scuola Primaria , classi 4^, 5^; Scuola Secondaria di 1° grado: classi 1^,2^, 3^

“Il Decamerone”, storia delle storie, dove il racconto si fa cura comunitaria e rito universale.

L’idea è quella di raccontare le storie cercando di ricreare il più possibile l’atmosfera del tempo, un legame col contesto in cui venivano narrate; esaltare l’aspetto popolare attraverso paesaggi sonori, suoni e rumori di mercato, di natura, di contesto proposti e da creare potenzialmente col pubblico; riproponendo dove possibile anche a livello spaziale il contesto circolare, di veglia in cui le storie si scambiavano, occasioni di incontro e condivisione dell’ esperienze, come le malattie e le carestie, le guerre, ma anche le feste, i mercati, i porti.

Obiettivi:

Trasmettere ai ragazzi l’universalità della narrativa del Boccaccio facendoli comprendere quanto sia moderna e attuale nella descrizione di tipologie umane pur lasciandola inserita nel contesto in cui è nata in modo che i ragazzi possano avere un quadro storico e possano capire come la letteratura sia portatrice di temi che riguardano l’uomo in generale e quindi anche dei nostri; si cerca inoltre di far capire come il Decameron sia la prima forma di narrativa che descriva il popolo e una borghesia a cui tutti apparteniamo, allora nascente con i suoi valori e disvalori.

Far capire che la letteratura è anche e principalmente divertimento.

Per le classi

Una rappresentazione teatrale corredata da un dialogo finale con gli attori in cui i ragazzi possono anche proporre e dare suggerimenti drammaturgici su una drammaturgia che hanno elaborato in classe con i propri insegnanti o più semplicemente di commento allo spettacolo.

 

Riferimenti bibliografici per la rappresentazione e per le letture:

si suggerisce la lettura a scelta di uno dei libri seguenti :
G. Boccaccio, “Decamerone Dieci novelle” raccontate da Piero Chiara, a cura F. Roncoroni, ed. Mondadori scuola
a cura di G. Alberti e L. Colizzi “G. Boccaccio, Rileggiamo Boccaccio”, ed Atlas
a cura di D. Bisogno “G. Boccaccio, Novelle per dieci giornate”. ed. Agorà
a cura di Ester Tassara, “ G. Boccaccio, Dieci giorni per raccontare”, ed Edisco

Saranno messi a disposizione degli insegnanti materiali di documentazione relativi alla rappresentazione e alle letture sceniche tratte dal Decameron

Potrebbe interessarti

Strangers

Strangers

ANNA HAZE Anna Haze, attualmente iscritta al corso di Produzione Cinematografica alla Concordia University di Montreal (Quebec), dal 2017 inizia la sua...

I Matti delle Giuncaie

I Matti delle Giuncaie

Band regina dell’Hard-Folk maremmano miscela il rock, la musica gitana, il folk, la musica cantautoriale al fine di ribadire il motto “divertirsi suonando”....

Inaugurazione Carrozza10

Inaugurazione Carrozza10

TERZO ATTO C’è stata una stagione del teatro (2003/2013) che ha segnato la nascita di questo spazio, tutto era a posto, il palcoscenico stava dove sta il...

X