Leggende, Strumenti e Voci dei Popoli 2020

LEGGENDE, STRUMENTI E VOCI DEI POPOLI
6 – 11 ANNI SCUOLA PRIMARIA

Questo progetto, propone un lavoro di esplorazione in differenti ambiti musicali e culturali, condotto attraverso l’utilizzo di strumenti appartenenti alle più diverse tradizioni, attraverso un uso della voce che si adatta e dialoga con la sensibilità
culturale e umana propria dei popoli che tali tradizioni incarnano, e attraverso racconti delle stesse culture.
Non si tratta di un lavoro filologico di mera riproposizione di canti e musiche di questa o quella cultura, ma di una personale elaborazione degli elementi caratteristici delle varie espressività a partire dalla propria esperienza in ambito culturale e musicale. Il Grung, invisibile voce alata, parla per mezzo di Claudia Bommbardella, musicista, cantante e compositrice, giocoliera di suoni con innumerevoli strumenti e con il suo canto limpido dalle mutevoli voci e idiomi.
Claudia annuncia il lungo viaggio di ricordi musicali del volo del Grung: volatile della mitologia armena, che ha attraversato le terre d’Armenia, Algeria, Mongolia, l’oceano pacifico “dove gli spiriti amano ancora danzare”, fino ai popoli della Groenlandia e di nuovo volare verso l’Europa, in Romania tra i canti degli zingari: Gli strumenti sono molti e diversi per grandezza e origine, tutti seduti intorno a lei su un tappeto, spazio sacro della cerimonia. Dal piccolo violoncello, dal fragoroso sassofono, dal legno della sansa africana, dal balafon, dal fiddle suonato in grembo, dalla fisarmonica seconda pelle, da una campana tibetana, da un lungo tubo di gomma, da un berimbao brasiliano, da un pentolino del latte, si compiono epifanie sonore.
Il flusso musicale entra presto in circolo e comincia ad aprire, per chi del pubblico è in contatto, un nuovo spazio di percezione. Si apre il sipario su una terza scena: altra da lei, che vediamo suonare e oltre noi che la guardiamo. Il teatro, inteso come possibilità di entrare in altre rappresentazioni, ha così fatto il suo ingresso… Brevi e incalzanti, i brani si susseguono, intervallati da poche parole, come note di viaggio.
Ora suoni stirati e stridenti si arrampicano veloci tra le corde degli archi, richiamano all’impellenza di un divenire mai uguale all’attimo trascorso, alla necessità di esserci qui e ora. Si aggiunge una voce che canta in una lingua inesistente, prorompe dirompente e procede per linee spezzate sul violoncello imbizzarrito; i contrasti di colore creano bagliori su paesaggi notturni. E’ questo il momento in cui chi ascolta, trascinato da ritmi e immagini, si perde senza sforzo, per scoprirsi più vicino alla fantasia e meno solo di quanto pensava. Portavoce di tanti personaggi dalle esistenze parallele, Claudia entra per loro nello spazio del palco, ne conquista i vuoti, ne oltrepassa i confini. Attraversata dal daimon lascia che il suo corpo si allunghi, le braccia si muovano come tentacoli danzanti, e i suoi occhi, prima ancora squarcino la sottile ma ostinata parete che spesso confina il palco lontano dai suoi spettatori. Qui al contrario, pur in un evento che rimanda a mitologie di culture sconosciute raccontate in parole incomprensibili, pare che il contatto con le persone si sia stabilito, facendo risuonare radici sonore originarie.

Data spettacolo: 10 Febbraio 2020

Potrebbe interessarti

Strangers

Strangers

ANNA HAZE Anna Haze, attualmente iscritta al corso di Produzione Cinematografica alla Concordia University di Montreal (Quebec), dal 2017 inizia la sua...

I Matti delle Giuncaie

I Matti delle Giuncaie

Band regina dell’Hard-Folk maremmano miscela il rock, la musica gitana, il folk, la musica cantautoriale al fine di ribadire il motto “divertirsi suonando”....

Inaugurazione Carrozza10

Inaugurazione Carrozza10

TERZO ATTO C’è stata una stagione del teatro (2003/2013) che ha segnato la nascita di questo spazio, tutto era a posto, il palcoscenico stava dove sta il...

X