LI’, MA DOVE, COME

di Julio Cortazar
CON GIOVANNI CRIPPA
REGIA RICCARDO MASSAI
(spettacolo registrato il 16 novembre 2012)

E’ morto, trent’anni fa, un intimo amico di gioventù del narratore. Il protagonista non lotta per ricordarelo, non lotta neanche per dimenticarlo, bensì per affermare l’esistenza del suo amico Paco attraverso la scrittura, benché riconosca l’artificio dell’impresa: esprimere l’inesprimibile. La scrittura è l’unico strumento possibile per accedere al mistero, una ricerca, per Cortàzar, forse non destinata al fallimento. Si insinua così una strana allegria che nasce da un’accettazione del mistero: “Paco è vivo.” Lì ma dove, come è il racconto di un’esperienza mistico-poetica. Il testo invita a pensare allo spazio in maniera non convenzionale, gioca con esso una sfida “concettuale” per facilitare la realizzazione di un passaggio: il protagonista passa da un universo all’altro: questo passaggio suggerisce una nuova spazialità, temporalità e anche concezione dell’individuo. Scrivere è fissare su carta le immagini mentali concepite. Quest’avventura intellettuale pretende di conciliare due livelli: cerca di transitare in esistenza reale le esperienze oniriche, è anche però la ricerca di pareri di lettori/spettatori che la legittimino e la condividano.

Potrebbe interessarti

Firenze Insolita 4

Firenze Insolita 4

FIRENZE INSOLITA 4 IL NEO-GOTICO E GLI STRANIERI A FIRENZE Uno sguardo diverso sulla città dalle colline fiorentine Da una zona limitrofa al Comune di...

Firenze Insolita 3

Firenze Insolita 3

TUTTO ESAURITO Dal Cimitero degli Inglesi alle dimore di poeti e scrittori che hanno vissuto i quartieri della periferia fiorentina Otto-Novecentesca, sorta...

X