Schermi Irregolari XIX – 2018

Festival internazionale di cortometraggi

SHORT FILM FESTIVAL

logo_schermi_pagina

 

VINCITORI SCHERMI IRREGOLARI 2018

PREMIO MIGLIOR FILM

The Maltese Fighter di Arev Manoukian (ex aequo)

per avere saputo raccontare con precisione, brillantezza e avvincente sviluppo narrativo, in uno spazio temporale difficile come quello del cortometraggio, una storia autentica di coincidenze storico-politico-sociali nel cuore di una comunità isolana attraversata da conflittualità e tensioni esterne che si riflettono all’interno, nel chiuso di dinamiche familiari qui esemplificate nel rapporto padre-figlio. Non secondaria in questo processo di messa a fuoco, è la capacità del regista di catturare atmosfere, colori, ambienti, tracce e caratteri specifici del luogo che, unita all’ottima interpretazione di tutto il cast, dà un coerente valore aggiunto all’insieme.

Salveger di Angelia Germanà Bozza (ex aequo)

per aver dimostrato attraverso un’opera prima, e una conseguente povertà di mezzi, la ricchezza e la complessità di una drammatica vicenda familiare, che attraversa con delicatezza, leggerezza e inaudito spessore emotivo l’attuale tragedia dei migranti. Con un tocco di magnifico slancio solidale, il film culmina in una visione di fratellanza che si incarna in un inedito rito di comunione laica.

PREMIO MARCO NOCENTINI PER IL MIGLIOR MONTAGGIO

Dove l’acqua con altra acqua si confonde di Massimo Loi e Gianluca Mangiasciutti

Nel chiuso fosforescente di una piscina, dove l’acqua è la vera protagonista, tanto da esserne forma e sostanza, i corpi dei due adolescenti, giorno dopo giorno conquistano consapevolezza dei propri sentimenti e padronanza del proprio vissuto grazie ad un montaggio tanto accurato quanto suadente e raffinato, che dialoga intensamente e armonosiamente con una fotografia liquida ed evocativa.

PREMIO DEL PUBBLICO

El Atraco di Alfonso Dìaz

La serata di premiazione si è svolta il 23 marzo 2018 alle ore 21.00 presso il Teatro Comunale di Antella

Ha condotto la serata GABRIELE BONAFONI

FINALISTI XIX edizione

  • SAM BODY di Davide Morando (Italia, 12′)
  • UNA PARTITA AI CONFINI DEL MONDO di David Valolao (Italia, 13′)
  • EL ATRACO di Alfonso Diaz (Spagna, 10′)
  • DOVE L’ACQUA CON ALTRA ACQUA SI CONFONDE di Massimo Loi e Gianluca Mangiasciutti (Italia, 15′)
  • THE MALTESE FIGHTER di Arev Manoukian (Malta, 19′)
  • SALVEGER di Angelica Germana Bozza (Germania, Turchia, Italia, 14′)

 

GIURIA XIX edizione

  • Gabriele Rizza, giornalista (Presidente di giuria)
  • Amerigo Fontani, attore
  • Mat Lucas, regista
  • Lilith Gianelle, organizzatrice
  • Enrico Zoi, giornalista

 

Si ringraziano tutti i registi partecipatnti, il Teatro Comunale di Antella, l’Ass. Archètipo e l’organizzazione del Festival, Gli Amici di Marco Nocentini, il Comune di Bagno a Ripoli, e naturalmente tutto il pubblico presente.

Giunto alla sua diciannovesima edizione, SCHERMI IRREGOLARI si riconferma uno dei festival di cortometraggi più longevi e vivi in Italia, nonché punto di riferimento nazionale per le ultime produzioni, tanto che negli anni ha fatto da apripista per opere la cui qualità è stata riconfermata da importanti riconoscimenti nazionali e internazionali come il David di Donatello.

Scopo della manifestazione è ricercare, premiare e diffondere i cortometraggi che meglio riescono a coniugare qualità e innovazione: dalle centinaia di proposte che giungono tramite la partecipazione al bando dedicato, viene selezionata da un’apposita commissione una rosa di opere da sottoporre al pubblico e ad una giuria di esperti. I finalisti concorrono all’assegnazione di tre premi, di cui i primi due in denaro: il premio “Schermi Irregolari” al miglior cortometraggio, il premio “Marco Nocentini” al miglior montaggio e il premio del pubblico.

Schermi Irregolari si ripropone così di selezionare a livello nazionale ed internazionale le espressioni più originali e i linguaggi più innovativi che si vanno delineando all’interno del mondo dell’audiovisivo contemporaneo, valorizzando e segnalando le opere più meritevoli nella speranza che trovino in seguito i giusti canali di distribuzione.

Segnaliamo con piacere e con orgoglio che il corto vincitore dell’edizione di Schermi Irregolari del 2016 (Bellissima di Alessandro Capitani) ha successivamente ottenuto il David di Donatello come miglior cortometraggio, mentre il vincitore dell’edizione 2014 (Thriller di Giuseppe Marco Albano) è arrivato finalista per il David di Donatello 2014.

Il gemellaggio tra Bagno a Ripoli e la città tedesca di Weiterstadt ha inoltre favorito un’importante collaborazione tra Schermi Irregolari e il festival di cortometraggi Open-Air Filmfest Weiterstadt. Nato nell’estate del 1977 durante una serata di proiezioni all’aperto, il festival tedesco si è consolidato negli anni arrivando nel 2017 alla sua 41esima edizione: punto di riferimento per i film in super 8, viene soprannominato il Woodstock del cortometraggio, arrivando oggi a proiettare in 4 giorni circa 200 cortometraggi provenienti da 40 Paesi ad un pubblico di oltre 8000 spettatori. La partnership con un festival di tale importanza ha permesso a Schermi Irregolari di ricevere una notorietà internazionale attraverso la realizzazione di una sezione dedicata all’interno di entrambi i festival, nonché di entrare in contatto con pubblici, idee, modalità, linguaggi diversi e al contempo portare la propria esperienza e il proprio lavoro oltre confine. Le opere finaliste possono inoltre usufruire di una maggiore circuitazione attraverso lo scambio che offre ai vincitori la possibilità di essere proiettati fuori concorso all’interno del festival partner.

Per ulteriori informazioni: www.filmfest-weiterstadt.de

l festival è aperto a tutti i cortometraggi di finzione a tema libero, italiani e stranieri (purché sottotitolati in italiano).

Scadenza bando: 31 gennaio 2018

Potrebbe interessarti

Strangers

Strangers

ANNA HAZE Anna Haze, attualmente iscritta al corso di Produzione Cinematografica alla Concordia University di Montreal (Quebec), dal 2017 inizia la sua...

I Matti delle Giuncaie

I Matti delle Giuncaie

Band regina dell’Hard-Folk maremmano miscela il rock, la musica gitana, il folk, la musica cantautoriale al fine di ribadire il motto “divertirsi suonando”....

Inaugurazione Carrozza10

Inaugurazione Carrozza10

TERZO ATTO C’è stata una stagione del teatro (2003/2013) che ha segnato la nascita di questo spazio, tutto era a posto, il palcoscenico stava dove sta il...

X