Stagione 2016/2017

Incontro di Parole

Incontro di Parole

Giovedì 25 Maggio ore 18,00 Archetipo - La matita per scrivere il cielo presenta INCONTRO DI...

SENZA LIMITI

SENZA LIMITI

La serata affronterà la tematica dello sport vissuto nella disabilità: lo sport insegna un nuovo alfabeto e diventa luogo per nuove sfide. L’esperienza sportiva di questi campioni fa da sfondo ai racconti unici e privati. Non più lo sport come fenomeno di massa, ma esperienza intima e personale di chi lo vive: attraverso le proprie emozioni, le paure, il rapporto con se stessi, quando il gioco diventa passione, gli incontri che fanno crescere la voglia di arrivare e la paura di non

Racconto – (tratto da Racconto d’Inverno di W. Shakespeare)

Racconto – (tratto da Racconto d’Inverno di W. Shakespeare)

Unici superstiti di chissà quale tragico avvenimento che ha portato al disfacimento di un’intera compagnia teatrale, segno dell’odierna crisi dello spettacolo, Robert e Pandosto, sono assoldati ogni 23 aprile, giorno in cui è nato e morto Shakespeare, per mettere in scena un’opera del bardo d’Avon. A suon di rime e citazioni teatrali i due decidono di optare per Il racconto d’inverno.

GRAN CIRCO BRITANNIA

GRAN CIRCO BRITANNIA

Partendo dalla lettura della riduzione per bambini dei fratelli Lamb (1807) e dalle suggestioni della versione della Mazzucco, la storia di Re Lear viene rappresentata attraverso il gioco teatrale con freschezza e ingenuità infantile. Il risultato del processo di lavoro è un Re Lear tragicomico, ambientato nello spazio allegorico del circo, dove tumultuosi sentimenti come amore, odio, rabbia, tradimento, crudeltà e vanità trasformano la Britannia nel “gran circo delle passioni umane”.

FUORI CLASSE

FUORI CLASSE

Una piccola scuola elementare in mattoni rossi, in una borgata in mattoni rossi: Montecucco, Roma. In quarta A nasce Freccia Azzurra, una radio bambina. Viaggiando fuori dalla classe sulle onde radio, i giovani autori radiofonici si incontrano con loro coetanei di tutta Italia e si raccontano di una scuola fantastica. Attraverso racconti, i bambini scoprono il nostro paese e noi scopriamo quanto può essere creativo andare a scuola: scopriamo che la scuola fantastica è una scuola possibile, scopriamo com’è ora l’Italia, dal punto di vista dei bambini.

DON CHISCIOTTE – Prima Parte

DON CHISCIOTTE – Prima Parte

Come l’anno scorso Maria Paiato ha affrontato la lettura di racconti del ‘900 italiano, quest’anno, nella ricorrenza dei 400 anni dalla morte di Cervantes, più artisti si avvicendano nei vari ruoli del capolavoro di Don Chisciotte della Mancia per offrire una maggiore ricchezza interpretativa. Quattro appuntamenti che cavalcano la trasposizione quasi integrale dell’opera: il messaggio del valore salvifico della lettura, uno dei temi fondanti del romanzo, è restituito proprio attraverso la lettura. Le serate sono accompagnate dalle incisioni visionarie di Gustav Dorè per portarci nelle atmosfere e suggestioni del capolavoro.

RIGUARDO A.

RIGUARDO A.

A. ha uno sguardo vivo. Il genere le ha segnato la vita presto. A nove anni le suore le consigliano di tenere ben strette le labbra e la costrizione diventa la scoperta del corpo. A. è segnata subito dal corpo sociale della città dove cresce e sviluppa un senso inconsapevole dell’abitare in spazi e percorsi che comunque lasciano una traccia. Una relazione fra interno ed esterno dove riesce a cogliere vie di fuga. Sant’Orsola, l’Alluvione del’66, il Bar Manetto così come il lavoro con le schede perforate. Un destino che le porta fori come cicatrici, tracce di desideri, zone opache.

ANIMA!

ANIMA!

“Anima!” è la restituzione finale in forma di spettacolo di un percorso laboratoriale articolato in quattro incontri a cui hanno preso parte dei giovanissimi partecipanti. Insieme ci siamo interrogati -con totale libertà d’ indagine- su cosa per noi sia “immateriale”. Attraverso le impressioni e i racconti personali scaturiti da questa domanda, abbiamo raccolto ed elaborato alcune brevi storie che prenderanno vita sulla scena grazie allo strumento immateriale per eccellenza: l’ombra.

DON CHISCIOTTE – Seconda Parte

DON CHISCIOTTE – Seconda Parte

Come l’anno scorso Maria Paiato ha affrontato la lettura di racconti del ‘900 italiano, quest’anno, nella ricorrenza dei 400 anni dalla morte di Cervantes, più artisti si avvicendano nei vari ruoli del capolavoro di Don Chisciotte della Mancia per offrire una maggiore ricchezza interpretativa. Quattro appuntamenti che cavalcano la trasposizione quasi integrale dell’opera: il messaggio del valore salvifico della lettura, uno dei temi fondanti del romanzo, è restituito proprio attraverso la lettura. Le serate sono accompagnate dalle incisioni visionarie di Gustav Dorè per portarci nelle atmosfere e suggestioni del capolavoro.

FISCHIA IL VENTO

FISCHIA IL VENTO

Insieme alle lettere dei soldati e dei partigiani impegnati a combattere per la libertà, saranno eseguiti alcuni dei più celebri canti che riecheggiarono sui vari fronti ma anche sulle montagne e nella valli durante la Resistenza. Nel programma figura una rarità: il poemetto in ottava rima La tragedia della Paganini, dedicato al misterioso naufragio della motonave italiana esplosa al largo di Durazzo il 28 giugno 1940 e nel quale morirono oltre duecento soldati, per la maggior parte toscani.

IL CURIOSO CASO DEL GARAGE ERMETICO

IL CURIOSO CASO DEL GARAGE ERMETICO

Il programma radio IGE – Il Garage Ermetico dalle frequenze di Novaradio Città Futura torna a teatro! Over 60, è la prima delle tre tappe che compongono “Il Curioso Caso del Garage Ermetico”: un percorso a ritroso che parte dalla fine per tornare all’inizio, ma di cosa? Della vita? Della intera storia? Un capitolo tra morte e creazione, desiderio di raccontare la profonda esperienza, quei ricordi che si stanno perdendo, quel modo di fare di una volta, che oggi ci sta sfuggendo per i meandri del “nostro” tempo.

DON CHISCIOTTE – Terza Parte

DON CHISCIOTTE – Terza Parte

Come l’anno scorso Maria Paiato ha affrontato la lettura di racconti del ‘900 italiano, quest’anno, nella ricorrenza dei 400 anni dalla morte di Cervantes, più artisti si avvicendano nei vari ruoli del capolavoro di Don Chisciotte della Mancia per offrire una maggiore ricchezza interpretativa. Quattro appuntamenti che cavalcano la trasposizione quasi integrale dell’opera: il messaggio del valore salvifico della lettura, uno dei temi fondanti del romanzo, è restituito proprio attraverso la lettura. Le serate sono accompagnate dalle incisioni visionarie di Gustav Dorè per portarci nelle atmosfere e suggestioni del capolavoro.

UN COMICO FATTO DI SANGUE

UN COMICO FATTO DI SANGUE

“L’autore e la sua compagna di vita – così spiega lo stesso Benvenuti – analizzano con un linguaggio comico modernissimo e con chirurgica spietatezza i rapporti tra i membri di una famiglia che sa tanto d’Italia, di questa nostra Italia che ha perso la bussola del buon senso e naviga ormai a vista tra i flutti sempre più minacciosi del mar dell’incertezza. Una commedia in cinque atti rapidi ed incisivi sui rapporti di una famiglia composta da marito, moglie, due figlie e qualche animale…

PAESI AL DI LÀ DAL MARE

PAESI AL DI LÀ DAL MARE

Gli spettatori s’imbarcano su una nave immaginaria, ma già lo spazio scenico li accoglie e raccoglie come nella pancia di una vera nave. Questa è la storia di un viaggio per mare, un viaggio di sola andata, un viaggio sulle rotte della speranza della paura. Nel bagaglio di ognuno non solo panni e cari oggetti della memoria, anche pensieri, desideri e aspirazioni. Si alternano momenti di narrazione di diari di viaggio di migranti a momenti che evocano l’immaginario fantastico delle fiabe: per ascoltare storie di animali fatati e di aiutanti magici, storie di mari in tempesta e di terre promesse.

LA PESTE (THE PLAGUE)

LA PESTE (THE PLAGUE)

Uno spettacolo che è un lavoro sull’Arte e sulla Poesia, passando attraverso Camus e Artaud, ma anche citando Saramago e Edgar Lee Masters, in cui si dà vita a un affresco che coinvolge i residenti del Centro di Solidarietà Pratese. Si immaginano scene e scenari mai realizzati, si raccontano vite di artisti scrittori, poeti, registi, artisti visivi, accampamenti, crociate di bambini e luna park dove l’infanzia non c’è più. Con Artaud che rivaluta l’azione benefica del teatro cerchiamo un antidoto alla Peste, che è sempre il solito male che cambia volto.

DON CHISCIOTTE – Quarta Parte

DON CHISCIOTTE – Quarta Parte

Come l’anno scorso Maria Paiato ha affrontato la lettura di racconti del ‘900 italiano, quest’anno, nella ricorrenza dei 400 anni dalla morte di Cervantes, più artisti si avvicendano nei vari ruoli del capolavoro di Don Chisciotte della Mancia per offrire una maggiore ricchezza interpretativa. Quattro appuntamenti che cavalcano la trasposizione quasi integrale dell’opera: il messaggio del valore salvifico della lettura, uno dei temi fondanti del romanzo, è restituito proprio attraverso la lettura. Le serate sono accompagnate dalle incisioni visionarie di Gustav Dorè per portarci nelle atmosfere e suggestioni del capolavoro.

“L’AMORE” SBAGLIATO

“L’AMORE” SBAGLIATO

Il Comitato Vivere all’Antella, da sempre vicino ai temi sociali più sentiti, nell’ottica di rafforzare il vivo senso di opposizione dinanzi alla cultura della violenza, ed in particolare alla violenza sulle donne, intende promuovere una serata dedicata all’analisi del fenomeno ed alle sue molteplici sfaccettature. Il Comune di Bagno a Ripoli, nell’ottica di condivisione delle finalità e degli intenti delineati dal Comitato, intende promuovere detta iniziativa, quale progetto pilota anche di futuri eventi.

La Venexiana – di ignoto veneto del ‘500

La Venexiana – di ignoto veneto del ‘500

La Venexiana, una delle commedie più cariche di erotismo della storia del teatro italiano, arriva sul palcoscenico con la regia di Riccardo Massai, che dal testo composto fra il 1509 e il 1518 ha tratto uno spettacolo forte e attuale, tra sexy toy, dialoghi accesi e senza censure.

LORO DI NAPOLI

LORO DI NAPOLI

Una città: Napoli; la sua lingua, la sua musica. Le canzoni napoletane rappresentano una letteratura di importanza storica sia che scaturiscano dalle penne di compositori importanti, sia che siano frutto dall’ispirazione di musicisti meno famosi. Il comune denominatore è la loro straordinaria invenzione melodica, lo strettissimo rapporto tra musica e testo e i forti legami con la tradizione popolare. Qualcuno, non senza fondamento, le ha paragonate ai Lieder tedeschi. Le fonti letterarie, forse, non raggiungono quelle altezze; la musica, in molti casi, sì.

RADIO OLIMPIA LIBERA

RADIO OLIMPIA LIBERA

L’Olimpo tramuta in una stazione radiofonica dove tre simpatiche divinità si divertono a fare i dj investiti dai racconti bisbigliati dai loro radioascoltatori. Racconti che parlano di mondi immaginari senza confini né pregiudizi, facendo della diversità un prezioso tesoro da custodire. Racconti che parlano di sogni. I protagonisti, talvolta dèi talvolta dj, rivivono questi bisbigli solleticando la propria immaginazione e trasformandoli in realtà.

MARTIN LUTHER KING LA DICEVA MEGLIO

MARTIN LUTHER KING LA DICEVA MEGLIO

“Ho un sogno, ma non so come dirlo: I have a dream?” Martin Luther King la diceva meglio è il racconto di un giovane attore che sogna di mettere in scena l’Amleto. Intuizioni sceniche irrealizzabili, invettive contro la mancanza di mezzi e il desiderio di modernizzare l’opera di Shakespeare sono il pretesto per riflettere in modo leggero ma toccante sulla condizione dell’artista e sulla generazione dei trentenni che ancora non si arrende pur non sapendo se riuscirà a realizzarli, i propri sogni.

C’ERA 2 VOLTE 1 CUORE

C’ERA 2 VOLTE 1 CUORE

Un delicatissimo spettacolo in cui due bimbi aspettano di nascere… e immaginano il mondo! Un mondo che creano con i magici oggetti scenici ispirati alle illustrazioni di Raymond Peynet. Una drammaturgia visiva che muove da quelle immagini lievi, permeate di delicatezza, e compone in scena un universo surreale, all’insegna della tenerezza e della fiducia nell’amore. Due teneri personaggi aspettano con fiducia… l’amore sostiene la loro attesa, che permette alla luce di tornare dopo il buio della notte… Chi aspettano? Aspetta anche tu con loro e lo scoprirai a fine spettacolo!

COME NASCE UN CAMPIONE?

COME NASCE UN CAMPIONE?

L’esperienza sportiva fa da sfondo alle interviste che diventano veri e propri racconti di vita. Sul palco i campioni dello sport, racconti unici e privati degli eroi moderni. Non più lo sport visto come fenomeno di massa, ma esperienza intima e personale di chi lo vive, attraverso le emozioni, le paure, quando il gioco diventa passione, il rapporto con se stessi, la voglia di arrivare e la paura di non farcela. La serata in particolare affronterà la tematica del mentoring: come nasce un campione?

IL CURIOSO CASO DEL GARAGE ERMETICO

IL CURIOSO CASO DEL GARAGE ERMETICO

Il programma radio “IGE – Il Garage Ermetico” dalle frequenze di Novaradio Città Futura torna a teatro! VM18, è la seconda e matura parte del progetto “Il Curioso Caso del Garage Ermetico”: siamo partiti dalla fine per tornare indietro ed eccoci giunti finalmente a parlare dell’assassinio, della crisi dell’uomo adulto, il logorio della vita moderna, ma anche della famiglia e del gioco, del tempo ritagliato per tornare incoscienti. Partendo dal momento in cui gli esami non finiscono mai, arriveremo in men che non si dica a quella maturità, forse obbligata, ma comunque essenziale.

DIARIO DI UN PAZZO

DIARIO DI UN PAZZO

Il progetto ha visto collaborare insieme utenti di Casa Elios (Centro Diurno Caritas Firenze) e del Centro Salute Mentale dei Quartieri 3,1/4 di Firenze con attori dell’Associazione EsTeatro. Lo spettacolo racconta i diversi aspetti di una mente confusa che corre veloce verso un mondo fittizio e protettivo. Intorno e dentro di lei voci delle angosce e delle forze interiori la spingono verso illusioni e nuove identificazioni. Il ritratto di questo personaggio intende sottolineare l’importanza del conoscere e convivere con il concetto di diversità per un confronto utile anche a nuove chiavi di lettura per la realtà intorno a noi.

I CONIGLI NON HANNO LE ALI

I CONIGLI NON HANNO LE ALI

Un bambino getta il suo coniglietto dalla finestra dopo avergli infilato un paio di mutande da Superman, ma un coniglio non può volare. Un gesto di ribellione ma anche una disperata richiesta di libertà che scatena nei genitori un’improvvisa, inarrestabile violenza. Inizia così, una riflessione su se stessi di Richard e Marianne, una giovane coppia americana per il loro futuro e quello dei loro figli: il testo piano piano diventa un processo a due comunissimi, normalissimi mostri. Cosa c’è di strano e inquietante in due persone che si forzano nello stare assieme perché ormai è così?

PREISTORICLOWN

PREISTORICLOWN

Con tante domande e molte altre i due clowns guideranno i bambini dall’età della pietra a quella dei metalli e tra lazzi, gags e giocoleria forniranno loro importanti informazioni cercando di mettere ordine tra ere, periodi, epoche ed età. Se la Preistoria è il periodo della storia umana che precede la scrittura – e quindi la storia documentata – come fa la professoressa Molletta a sapere cosa è successo sulla terra due milioni di anni fa? Riuscirà a spiegarlo al suo collega, professor Fresco? Ma soprattutto, riuscirà a dire “archeologia preistorica” 30 volte di seguito senza sbagliare? O il grande antenato Clown di Neanderthal dovrà scagliare la sua clava?

CANTA E CUNTI

CANTA E CUNTI

Lo spettacolo vede in scena una cantante ed una attrice che giocano a scambiarsi i ruoli creando un intreccio di parole e musica. Il gioco si fa beffe di filastrocche, storie, canzoni, riproponendole con guizzi interpretativi, sottolineature ironiche, armonici struggenti, tali da renderle domestiche ad un pubblico di bambini e di adulti uniti. A dare sostanza alla forma la scelta di alcuni pezzi musicali e di racconti che tracciano i profili leggeri di adulti, e spesso bambini, che spiccano dallo sfondo della loro realtà.

IL RESTO E’ SILENZIO

IL RESTO E’ SILENZIO

Cinque compagnie, sei registi, che lavorano da molti anni con il teatro nella Salute Mentale: ogni gruppo porta in scena l’estratto di un diverso dramma.

QUADERNI DI FAMIGLIA

QUADERNI DI FAMIGLIA

Gila Manetti, Alfredo Cavazzoni e Andrea Mitri lavorano a livello singolo nel teatro d’improvvisazione da più di vent’anni. “ Quaderni di Famiglia” è il loro primo format insieme ed è uno spettacolo costruito sui ricordi familiari.

IL GIARDINO DIPINTO

IL GIARDINO DIPINTO

Il pittore curdo Rebwar Saeed ci invita ad entrare nei quattro giardini colorati (il giardino di terra, d’acqua, di foglie, dell’amore). Sono giardini-gioco dove esplorare la bellezza della natura, i suoi elementi ed il sapore dell’infanzia. Sulla scena due danzatrici, vestite di giallo e di rosso si muovono nello spazio ed interagiscono con immagini che appaiono sul tappeto grazie ad un gioco di proiezioni. Anche i bambini possono “disegnare” il loro giardino camminando o rotolando su questo tappeto sensibile. E’ un tappeto “magico”, dove il gioco si trasforma in esperienza percettiva, in un contatto ludico e originale con le arti.

IMPERDONATE / LA PIETRA E LA PAURA

IMPERDONATE / LA PIETRA E LA PAURA

Il testo e la mise en scène evocano, reinterpretandole nei sentimenti, sei figure “classiche” di donna: Eva, La Donna di Don Giovanni, Medea, Anna Karenina, Sherazade, Antigone. I monologhi in prosa poetica, continuano la particolarità di questo “ teatro per movimento e poesia”. La pietra e la paura La danza contemporanea incontra l’opera di Maria Lai, artista di arti visive di fama internazionale, che nasce in Sardegna nel 1919. Attraverso la danza lo strumento di tale cammino è una favola breve di Salvatore Cambosu, “cuore mio”, rivisitato e trasfigurato da Maria Lai.

AMARCORD, 90 ANNI DELLA FIORENTINA

AMARCORD, 90 ANNI DELLA FIORENTINA

In occasione dei 90 anni della squadra viola, si rispolverano vecchi ricordi e si aprono le pagine di una Fiorentina, specchio di un’epoca dal sapore retrò. Una serata in occasione dei 90 anni della Fiorentina un amarcord di un calcio lontano da quello moderno. L’esperienza sportiva fa da sfondo alle interviste che diventano veri e propri racconti di vita. Sul palco i campioni dello sport, racconti unici e privati degli eroi moderni.

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

Dopo Goethe e Beethoven, Shakespeare e Mendelssohn: Riccardo Massai e il Duo Pianistico di Firenze si confrontano con altri due giganti della letteratura teatrale e musicale. La fantastica commedia di Shakespeare ispirò a Mendelssohn alcune fra le più belle musiche di scena del Romanticismo tedesco. Anche nella trascrizione per pianoforte a quattro mani dello stesso autore, la partitura mantiene tutto l’incanto fiabesco dell’originale, evocando poeticamente il magico mondo di Oberon e Titania.

CANTABESTIARIO

CANTABESTIARIO

Un viaggio di teatro canzone attraverso la poesia per musica nata dall’incontro tra il cantautore Sergio Endrigo, e due grandi poeti: Gianni Rodari e Vinicius De Moraes. È un percorso che si snoda tra due album storici degli anni ’70: “L‘Arca” e “Ci vuole un fiore”. Una voce su le sei corde di una chitarra tra filastrocche e canzoni i cui protagonisti sono animali, curiosi narratori della nostra società di oggi. Di e con Alessia Arena, performer poliedrica, diplomata in canto formatasi per il teatro con stage all’Atelier für physisches di Berlino.

BENESSERE A SCUOLA

BENESSERE A SCUOLA

La conferenza ha lo scopo di mettere in luce ciò che può ostacolare o rendere proficua la relazione tra insegnanti, alunni, genitori, in modo da poter creare una condivisone e una sinergia d’interventi educativi e rendere efficace il processo d’insegnamentoapprendimento per tutti coloro che lo condividono. Chi vuole può partecipare al laboratorio che la docente terrà il giorno 18 marzo presso i locali di SBA + C (info e iscrizioni www.sanbernardoagricultura.com/)

SE CI SEI BATTI UN COLPO

SE CI SEI BATTI UN COLPO

Un solo attore, molti personaggi, una storia surreale e tragicomica per indagare, attraverso la vita di un giovane uomo che ha tutto ciò che gli serve, tranne il cuore, un tema caro a chiunque abbia mai avuto il dubbio se davvero valga o no la pena vivere. Ma la domanda del personaggio e la sua straordinaria esistenza di senza cuore sono anche una lente per osservare, con ironia politicamente scorretta e poesia, tutto ciò che fa della vita il regno della meraviglia e della noia, della normalità e della follia, del desiderio e dell’incomprensione: dalle relazioni famigliari a quelle sentimentali, dall’amicizia al lavoro, dalla visione spirituale a quella scientifica, dalle domande dei bambini ai dubbi degli adulti. A cosa serve vivere, se non hai il cuore?

LO STRANO CASO DEL GARAGE ERMETICO

LO STRANO CASO DEL GARAGE ERMETICO

Il programma radio “IGE – Il Garage Ermetico” dalle frequenze di Novaradio Città Futura torna a teatro! La Giovinezza Ermetica è la terza ed ultima parte del progetto “Il Curioso Caso del Garage Ermetico”: la giusta conclusione del percorso alla ricerca dell’uomo parte quindi dall’età che tutti ci portiamo dentro, scandita dai ritmi delle campanelle scolastiche, con la scoperta della sessualità e il mito della cicogna. L’età in cui tutto è vietato, ma tutto è permesso e nella quale per la prima volta si corre il grosso rischio di scegliere. Questo è l’ultimo “lieto evento” della stagione teatrale del Garage Ermetico, che così si conclude, ma forse ri-nasce.

ANTOLOGIA DEL NULLA

ANTOLOGIA DEL NULLA

Pare un assurdo, eppure è esattamente vero, che non v’è altro di reale né altro di sostanza al mondo che le illusioni. (Giacomo Leopardi). Un laboratorio clandestino sulla poesia. Quindici attori autori utenti del servizio di Salute Mentale di Firenze, insieme a giovani attori in formazione, conducono una ricerca sul nulla che rappresenta le nostre paure ma è anche fonte di tutte le nostre potenzialità inespresse. Mangiare poesia. La poesia è servita. Non è uno spettacolo.

ERA LA NOSTRA CASA

ERA LA NOSTRA CASA

Una moglie e un marito, al confine tra sogni infranti e rancori accumulati. Improvvisamente soli (dopo la partenza oltreoceano della figlia) si ritrovano alla ricerca di una intimità perduta. Poi improvviso il tradimento. E le inevitabile distanze, rabbie e tensioni dove i meccanismi coniugali si scatenano in un crescendo d’impietosa e sarcastica verità. Dopo la Trilogia della famiglia, un nuovo testo di Nicola Zavagli, voce contemporanea della drammaturgia toscana.

DOMENICO ZIPOLI

DOMENICO ZIPOLI

Il compositore pratese Domenico Zipoli (1688-1726), contemporaneo di Bach, Händel e Scarlatti, ha lasciato ai posteri un solo libro stampato, nel 1716, con quattro Sonate e due Partite per tastiera. Giovanni Nesi, che è stato allievo di Maria Tipo, riscopre questi capolavori mai eseguiti fino a oggi sul pianoforte moderno. Con Gregorio Moppi, critico musicale del quotidiano “la Repubblica”, ha ideato uno spettacolo dove musica e racconto si alternano in un connubio entusiasmante.

SHADOWS

SHADOWS

Shadows è uno spettacolo-laboratorio che intende compiere, assieme a chi vi partecipa, un primo passo nell’universo dell’Ombra. Attraverso un percorso fatto di esperimenti e di giochi, il bambino scopre le potenzialità espressive della propria ombra corporea, dell’ombra degli oggetti per approdare al “teatro delle ombre”. Grazie infatti alle silhouettes che i partecipanti stessi costruiranno, nella fase finale del laboratorio daremo vita ad un vero e proprio spettacolo collettivo.

XVIII edizione di SCHERMI IRREGOLARI

XVIII edizione di SCHERMI IRREGOLARI

Uno dei Festival di cortometraggi più longevi e vivi in Italia con i suoi 3 premi (due in denaro, uno in libri) appuntamento imperdibile e divertente, insolito e simpatico per passare una serata all’insegna di Viva il Cinema!

CAMBINI E BEETHOVEN A PARIGI

CAMBINI E BEETHOVEN A PARIGI

Il livornese Cambini dopo una rocambolesca gioventù durante la quale venne catturato da pirati e venduto come schiavo si stabilì a Parigi, dove pubblicò oltre 40 suoi quartetti.
Nel 1810 ascoltò due sinfonie di un giovane tedesco, così commentando: “compositore bizzarro e barocco, talora prende il maestoso volo dell’aquila, talaltra si trascina per strade grottesche. Sembra nutrire allo stesso tempo colombe e coccodrilli”.

RICORDO DI CLARA

RICORDO DI CLARA

Alla base del viaggio artistico nel buio che Riccardo Massai ha ideato nel suo “Teatro dei Sensi” sta la personalità di Clara Pacifici, non vedente, attrice per una stagione, che, a dieci anni dalla prematura scomparsa, intendiamo raccontare attraverso letture, immagini, esperienze sensoriali, ispirate al libro “Un teatro per Clara” di Cecilia Trinci, Soleombra Edizioni, scritto per ricordare un incontro speciale, facendoci ripercorrere il cammino che ha portato alla messa in scena di uno spettacolo così originale.

H COME AMORE

H COME AMORE

13-14-15-16-18-20 Aprile ore 21,00 17 Aprile ore 17,00 H COME AMORE Handicap e sessualità. E’ un...

Paesi al di là dal Mare

Paesi al di là dal Mare

PAESI DI LA' DAL MARE 8 -14 ANNI SCUOLA ELEMENTARE E MEDIA di e con Miriam Bardini e Patrizia...

X